Salute e alimentazione per ogni bambino

Ci impegniamo affinché ogni bambino, indipendentemente dalla sua origine, dal sesso o dalle sue esigenze, abbia accesso all’assistenza sanitaria di base. Il nostro obiettivo è che entro il 2030 nessun bambino con meno di cinque anni muoia per cause evitabili.

Ogni cinque secondi un bambino muore da qualche parte nel mondo. Muore per cause evitabili come diarrea, polmonite, malaria, nascite premature, complicazioni durante la gravidanza o il parto. In molti Paesi del mondo non c’è acqua pulita, né cibo sufficiente, né sistemi sanitari funzionanti.

Per questo motivo Save the Children s’impegna a livello nazionale e internazionale nell’attuazione di misure politiche e finanziarie per migliorare i sistemi sanitari nei Paesi in via di sviluppo. Collaboriamo con i governi e i partner per sviluppare strategie di riduzione della povertà e migliorare i servizi sanitari di base come l’assistenza materno-infantile, i programmi di vaccinazione e l’assistenza prenatale. Inoltre, siamo impegnati a migliorare l’alimentazione dei bambini per salvare vite umane e consentire uno sviluppo sano.

122 Mio.

di bambini abbiamo aiutatio a sopravvivere negli scorsi dieci.

Nostra visione

Entro il 2030 nessun bambino con meno di cinque anni deve morire per cause evitabili.

Alimentazione per i più piccoli

Promuoviamo e sosteniamo la nutrizione dei bambini piccoli per garantire la loro sopravvivenza e consentire un sano sviluppo fisico e cognitivo.

La malnutrizione è la causa di quasi la metà delle morti infantili. I bambini malnutriti sono più suscettibili alle malattie e di solito sono meno istruiti e in condizioni di salute precarie. La fame indebolisce i bambini che non sono così in grado di affrontare malattie come la diarrea o la polmonite. Per chi sopravvive, la malnutrizione ha un impatto importante anche nei primi anni di vita: molti bambini soffrono di menomazioni fisiche e mentali per tutta la vita.

I nostri programmi di alimentazione per madri, bambini e neonati si concentrano sui primi 1000 giorni – il periodo che intercorre tra la gravidanza e il secondo compleanno di un bambino. L’obiettivo è quello di garantire un adeguato apporto alimentare e nutrizionale per le donne in gravidanza e i bambini, efficaci pratiche alimentari e di cura per neonati e bambini e protezione contro le malattie infettive. In questo modo interveniamo laddove si può fare una grande differenza per i bambini.

5.3 Mio.

di bambini sono morti nel 2018 per malnutrizione.

Approccio comune nei nostri progetti sanitari

Nei nostri programmi sanitari cerchiamo di coinvolgere intere comunità nell’attività di progetto. In questo modo, i bambini possono essere curati a casa anche in zone remote, il che spesso salva la vita.

L’assistenza medica di base dovrebbe essere un diritto fondamentale per tutte le persone, che siano poveri o ricchi, che vivano in campagna o in città. Insieme alle istituzioni sanitarie, ai governi, alle organizzazioni non governative, ai responsabili delle città e dei villaggi e ai bambini, lavoriamo per fornire a tutte le persone un’assistenza medica accessibile e di qualità. Per migliorare la qualità dei servizi sanitari esistenti, sosteniamo le autorità sanitarie anche attraverso la formazione di personale medico, la fornitura di attrezzature e mezzi di trasporto e l’allestimento di stazioni sanitarie.

Malattie evitabili: spesso fatali per i bambini svantaggiati

Nei primi anni di vita i bambini sono particolarmente vulnerabili e hanno bisogno di cure speciali. Save the Children si è posta l’obiettivo di evitare che i bambini di età inferiore ai cinque anni soffrano di malattie evitabili, spesso fatali per i più piccoli.

Milioni di bambini nel mondo muoiono a causa di malattie evitabili. Il 28% di tutti i decessi tra i bambini al di sotto dei cinque anni è dovuto a polmonite, diarrea e malaria, nonostante le misure affermate ed economicamente convenienti attuate per prevenire e curare queste e altre malattie infettive. I programmi sanitari di Save the Children si concentrano sulla responsabilizzazione degli operatori sanitari e di altri soggetti affinché utilizzino questi interventi collaudati per raggiungere i bambini che ne hanno bisogno. Nei nostri sforzi, ci concentriamo sulle tre principali malattie responsabili di morti infantili: polmonite, diarrea e malaria.

Ad essere esposti al pericolo maggiore sono soprattutto i bambini più svantaggiati: raramente sono vaccinati e corrono maggiori rischi a causa della povertà, della malnutrizione e dell’inquinamento atmosferico. Sostenendo campagne di vaccinazione per i gruppi più vulnerabili, possiamo salvare dalla polmonite un numero crescente di bambini. Nel 2018 abbiamo sostenuto più di 530 000 vaccinazioni contro la polmonite in almeno 17 Paesi.

Icon Medikament

Polmonite Nel 2018 abbiamo sostenuto più di 530 000 vaccinazioni contro la polmonite in almeno 17 Paesi.


Progetti in salute e alimentazione

Vostra donazione per i bambini bisognosi