Africa orientale: assistenza ai bambini lungo le rotte migratorie

I flussi migratori transfrontalieri comportano seri rischi per la sicurezza dei bambini. Molti bambini devono affrontare grandi sfide nell’attraversare le frontiere e durante i movimenti migratori. Nella regione dell'Africa orientale, in particolare, i bambini in fuga sono esposti a grossi rischi.

I bambini in fuga nell’Africa orientale provengono principalmente da Etiopia, Somalia ed Eritrea. I dati mostrano un aumento dei bambini in fuga – e anche dei bambini non accompagnati nella regione.

Lungo la rotta migratoria dell’Africa orientale fino all’Egitto o la Libia (ed eventualmente verso l’Europa) attuiamo un progetto regionale decennale in Etiopia, Sudan ed Egitto che persegue due principali obiettivi:

  • garantire che i bambini in fuga possano accedere il più rapidamente possibile a vitto e alloggio, protezione e servizi sanitari;
  • aiutare i paesi lungo le rotte migratorie dell’Africa orientale a gestire gli effetti della situazione, soprattutto per quanto riguarda i bambini.

Il progetto mira ad aiutare bambini e giovani vulnerabili in fuga. Particolare attenzione è rivolta a coloro che sono più a rischio di abuso e sfruttamento: ragazze e giovani donne, bambini non accompagnati e separati, minori che vivono o lavorano in strada, bambini e giovani a rischio di tratta, come pure bambini piccoli e neonati che viaggiano con le famiglie.

Icon Stift

Obiettivo 1 i diritti dei bambini e dei giovani in situazioni precarie sono rispettati e permettono loro di migliorare le proprie prospettive future.

Icon Haus

Obiettivo 2 le organizzazioni nazionali e locali offrono ai bambini e ai giovani una protezione efficace e un sostegno vitale.

Icon Dialog

Obiettivo 3 i paesi lungo le rotte migratorie dell'Africa orientale hanno una politica di protezione dell'infanzia e capacità sufficienti a rafforzare l'autonomia dei bambini e dei giovani in fuga in situazioni di vulnerabilità.

272 Mio.

Nel 2019, 272 milioni di persone in tutto il mondo vivevano al di fuori del loro paese di nascita. Le migrazioni sono aumentate drasticamente nell'ultimo decennio e il quadro politico per la mobilità globale è cambiato rapidamente.

Rayan (2) dellaSomalia.

Sfide per i bambini e i giovani in fuga

Le persone e le famiglie lasciano la loro patria per vari motivi: cercare opportunità di istruzione e di lavoro o sfuggire alla povertà. Tuttavia, molti sono costretti ad abbandonare le loro case e fuggono da disastri naturali o cambiamenti climatici, conflitti armati e violenze, discriminazioni o persecuzioni.

Qualunque sia il motivo della loro fuga, i bambini – soprattutto quelli che viaggiano da soli – sono estremamente vulnerabili a una serie di rischi, tra cui violenza fisica e sessuale, sfruttamento e abuso. Spesso mancano loro i mezzi per proteggersi, soddisfare i propri bisogni primari e preservare la propria dignità.

Inoltre, una serie di barriere sociali, fisiche, organizzative e legali spesso impedisce ai bambini e ai giovani in fuga di ricevere l’aiuto di cui avrebbero urgente bisogno. In molti Paesi dell’Africa orientale la legislazione non tiene conto della particolare vulnerabilità dei bambini in fuga e non offre loro una protezione adeguata.

Gli studi condotti nell’ambito dei nostri progetti dimostrano che i bambini in fuga e spesso non accompagnati soggiornano soprattutto nei centri urbani e che sono particolarmente esposti ad elevati rischi soprattutto ai valichi di frontiera.

I bambini in fuga sono – come tutti gli altri bambini – protetti dalla Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti del fanciullo. Questa vale anche per i bambini che provengono da un altro paese.

Etiopia

Autobus alla stazione principale degli autobus di Arba Minch. Migliaia di bambini sono oggi in viaggio in Etiopia, molti senza i loro genitori.

Assistenza mirata lungo le rotte migratorie esistenti

Per garantire la protezione dei bambini in fuga nell'Africa orientale mentre attraversano il confine verso un altro paese, abbiamo sviluppato un approccio unico che può essere attuato sia a livello nazionale che internazionale. Lo sviluppo di un progetto innovativo basato sulle rotte migratorie consente flessibilità e reattività nell'affrontare le esigenze di protezione dei bambini in viaggio nei principali punti di attraversamento, nei paesi di transito e nei paesi di destinazione.

Ad esempio, i centri di servizio alla comunità in Etiopia, Egitto e Sudan fungono da luoghi statici sicuri nell’ambito del progetto, dove i bambini rifugiati possono accedere a informazioni pertinenti, servizi di protezione e aiuto d’emergenza – compresa l’assistenza per la registrazione nel paese, l’assistenza legale e il rinvio a centri di accoglienza e a professionisti sanitari.

Inoltre, vogliamo sviluppare una rete interregionale di servizi e strutture di assistenza in rete per bambini e giovani lungo rotte e luoghi frequentemente battuti, collegando in particolare i principali centri urbani – Addis Abeba, Khartum e la Grande area del Cairo – e punti strategici lungo le rotte migratorie dove la vulnerabilità dei bambini e dei giovani in viaggio può essere estremamente elevata.

SOSTENETE IL NOSTRO LAVORO

Save the Children è attiva dove c'è più urgente bisogno d' aiuto per i bambini più svantaggiati. Aiutaci ad aiutare!

La sua donazione per i bambini bisognosi